Archivi categoria: Territorio

Esposto contro il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e i ministri Lamorgese e Speranza

https://youtu.be/-D-uhblYVUw

COMUNICATO STAMPA

In data 7 Gennaio u.s. è stato depositato, da un gruppo di avvocati (Prof. Avv. Augusto Sinagra, Avv. Pasquale Forciniti, Avv. Alfredo Lonoce, Avv. Maria Grazia Martinelli, Avv. Antonio Petrongolo, Avv. Armando Placidi), presso la Procura della Repubblica di Roma un esposto contro il Presidente del Consiglio, Prof. Avv. Giuseppe Conte, il Ministro dell’Interno, Dr.ssa Luciana Lamorgese e il Ministro della salute, On.le Roberto Speranza e altri esponenti del Governo, oltre che  tutti coloro i quali, pur occupando seconde e terze file ma rivestendo funzioni apicali nella P.A, sono in possesso di autonomi poteri decisionali, in un contesto ben definito di precisi ruoli e responsabilità, non solo politiche, ma anche a livello giuridico – per condotte di rilevanza penale in relazione alla gestione dell’intera  fase emergenziale, dal 30 gennaio 2020 ad oggi.

Le ipotesi di reato sottoposte all’esame, di rito, del Tribunale dei Ministri sono le seguenti: attentato contro la costituzione dello Stato (283 c.p.), usurpazione di potere politico (287 c.p.), epidemia (438 c.p.) violenza privata (610 c.p.), sequestro di persona a scopo di terrorismo o di eversione (289 bis c.p.), sequestro di persona (605 c.p.) ed abuso d’ufficio (323 c.p.).

Auspichiamo che venga ripristinato al più presto lo stato di diritto e il rispetto della Costituzione, ponendo un freno ad una deriva liberticida che appare inarrestabile.

Fabrizio Verduchi

Presidente Italia Cristiana

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Con Italia Cristiana in difesa della Costituzione e della libertà!

Diritto_e_Costituzione_rid

Chiunque voglia sostenerci e condividere con noi iniziative importanti – nel rispetto del nostro ordinamento giuridico – volte a chiedere l’immediato ripristino della Costituzione e delle libertà personali e d’impresa, ci scriva a questa mail:

dirittoecostituzione@italiacristiana.it

È ora di dire basta! Non possiamo accettare la cancellazione dei nostri diritti e delle nostre libertà senza reagire.

Lascia sgomenti notare come ai più alti livelli si stia osservando un totale silenzio mentre un Governo, a suon di DPCM, e incurante della Costituzione, sta disfacendo pezzo per pezzo tutte le libertà e i diritti garantiti dalla legge fondamentale della Repubblica Italiana, creando un caos generalizzato e spaventoso. Vi sembrano parole esagerate?

Siamo arrivati a imposizioni che, se raccontate un anno fa, sarebbero sembrate fantascientifiche. Le nostre forze dell’ordine utilizzate per andare a caccia di pericolosi cittadini in visita ai loro parenti o amici.

Elicotteri e droni utilizzati per andare a “pizzicare” chi esce di casa senza il permesso, o meglio la concessione, del nostro primo ministro.

E ancora le forze dell’ordine mandate a fermare sacerdoti durante la celebrazione di una Santa Messa con pochi fedeli.

Ristoranti, bar e imprese portate al fallimento per “legge”, anzi per DPCM. Che ne sarà di quegli imprenditori e di quelle famiglie che hanno investito i risparmi di una vita nella loro impresa?

La crisi economica è diventata, per usare un eufemismo, allarmante.

Eppure, il Tribunale di Roma, con una sentenza del 16 dicembre 2020 (Trib. Roma, Sez. 6° Civile, ord. n. 45986/2020 R.G.), ha definito tutti i DPCM di Conte illegittimi e incostituzionali.

Ma questo governo che, giova ricordarlo, è tenuto insieme dal partito che è stato bocciato per l’ennesima volta dagli italiani (il PD), e da quello che aveva chiesto i voti proprio per mandare questo partito a casa (5 Stelle) – e che in tutte le ultime tornate elettorali ne è uscito pesantemente sconfitto – fa orecchie da mercante, comportandosi come fosse depositario di un mandato divino, intoccabile e superiore ad ogni legge e sentenza.

E poi, tutto è secretato. Tutto nascosto.

Se poi aggiungiamo l’assenza dell’opposizione che, abdicando al suo ruolo di garanzia, e uniformandosi di fatto al nuovo dogma dei DPCM – ed è questo, a parer nostro, la peggiore sorpresa – ha lasciato gli italiani da soli, senza più nessuno che rappresenti le loro istanze, comprendiamo quale sia l’urgenza di ritrovarsi uniti in difesa della libertà e dei diritti costituzionali, prima che sia troppo tardi.

Invece oggi ad essere uniti sono tutti quelli che siedono in Parlamento, con rare e singole eccezioni. Uniti nell’imporci il silenzio, il divieto ad esprimere la propria opinione politica e non. Uniti nel difendere la propria poltrona.  Uniti nell’escludere dalla vita pubblica chiunque sollevi anche solo perplessità sulle loro azioni.

Uniti nel volerci imporre un vaccino in fase sperimentale per usarci come cavie. Uniti nel disprezzare le cure, le uniche, che finora hanno dato risultati eccellenti, come ad esempio l’utilizzo dell’Idrossiclorochina o del plasma proveniente dai pazienti guariti.

Ci chiedono silenzio e cieca obbedienza. Guai a chiunque osi provare a reclamare i diritti garantiti dalla Costituzione. Quella ormai è roba vecchia. Oggi l’Italia è una repubblica fondata sui DPCM.

Italia Cristiana dice NO! Non resteremo inermi di fronte a tante imposizioni ingiuste e assurde.

Chiunque voglia sostenerci e condividere con noi iniziative importanti – nel rispetto del nostro ordinamento giuridico – volte a chiedere l’immediato ripristino della Costituzione e delle libertà personali e d’impresa, ci scriva a questa mail:

dirittoecostituzione@italiacristiana.it

Domenico Defronzo – VicePresidente IC
Fabrizio Verduchi – Presidente IC

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Piena solidarietà e sostegno all’Assessore marchigiano Giorgia Latini per le sue dichiarazioni contro l’aborto

Comunicato-Stampa

Esprimiamo il nostro pieno sostegno all’Assessore marchigiano Giorgia Latini per le sue dichiarazioni, perché la politica sia sempre un baluardo in difesa dei piccoli e dei più deboli, in modo particolare in sostegno della vita fin dal suo concepimento e contro la cultura mortifera dell’aborto. Le esprimiamo altresì piena solidarietà per le aggressioni verbali ricevute dopo la sua dichiarazione. Continua la lettura di Piena solidarietà e sostegno all’Assessore marchigiano Giorgia Latini per le sue dichiarazioni contro l’aborto

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Sacerdoti cattolici alla gogna mediatica: inaccettabile

Comunicato-Stampa

L’associazione Iustitia in Veritate e il Movimento Politico Cattolico Italia Cristiana denunciano con preoccupazione i numerosi attacchi mediatici perpetrati negli ultimi mesi a danno di sacerdoti che, nell’esercizio del proprio ministero e in piena conformità alla dottrina cattolica, sostengono e difendono i principi non negoziabili.

La tecnica usata è spesso sempre la stessa: si estrapolano alcuni passaggi delle omelie in cui vengono condannate pratiche contrarie al diritto naturale come aborto ed eutanasia, e ideologia gender e divorzio, per usarli come esempio di non allineamento alla tesi contraria. Continua la lettura di Sacerdoti cattolici alla gogna mediatica: inaccettabile

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Covid: il precrimine ha sostituito il Diritto

Luca Zaia
The Minority Report è un racconto di fantascienza di Philip Kindred Dick ambientato nel 2054 e pubblicato alla fine degli anni ’80 negli USA, da cui nel 2002 è stato tratto il film “Minority Report” con Tom Cruise.
La trama si fonda su un sistema chiamato Precrimine. Grazie a delle premonizioni la polizia arresta preventivamente i potenziali colpevoli prima che commettano un crimine. Continua la lettura di Covid: il precrimine ha sostituito il Diritto

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail