Archivi categoria: Territorio

No al processo al Ministro Matteo Salvini

Salvini

Siamo contrari che il Ministro Salvini sia processato. Gli italiani che lo hanno votato il 4 Marzo avevano chiesto chiaramente alla politica di contrastare l’immigrazione incontrollata permessa da chi ha governato l’Italia negli ultimi anni. Matteo Salvini ha agito, non come semplice cittadino, ma come Ministro dell’Interno nel pieno esercizio delle sue funzioni. Pertanto reputiamo legittima la sua scelta sul caso Diciotti e invitiamo i membri della Giunta per le immunità del Senato a votare NO per garantire il legittimo operato del Ministro dell’Interno

Fabrizio Verduchi

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

AI sindaci che non vogliono rispettare la Legge

Immigrazione clandestina
Immigrazione clandestina

In Italia ci sono 7.954 comuni. In quanti si ribellano al DL Sicurezza? Una decina, tutti amministrati da uomini di sinistra, alcuni dei quali con gravi problemi di amministrazione. Ricordate a questi amministratori “democratici”, che ogni due parole che pronunciano ci infilano dentro la parola “democrazia”, che in democrazia vince la maggioranza.

Fabrizio Verduchi

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Le autostrade, Benetton e un miliardo di utili

Autostrada-2

Attualmente “Autostrade per L’Italia” è controllata al 100% da Atlantia S.p.A. società il cui principale azionista è la famiglia Benetton, quelli che per pubblicizzare il loro marchio di vestiti ci bombardano da anni su quanto sia bella l’ideologia della società multietnica e gender fluid.

Tornando ad Atlantia S.p.A. in Italia gestisce circa 3000 km di autostrade, oltre a gestire l’aeroporto di Fiumicino e Ciampino. Questa società ha avuto un utile netto nel 2017 di circa un miliardo di euro, e sottolineo utile netto, mentre nei primi sei mesi del 2018 ha già incassato un utile netto di 618 milioni di euro. Continua la lettura di Le autostrade, Benetton e un miliardo di utili

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

I campi nomadi sono un concetto barbaro e incivile, vanno tutti chiusi.

I campi nomadi sono un concetto barbaro e incivile, vanno tutti chiusi. Non è accettabile uno stile di vita senza regole, senza igiene, fatto di furti ed espedienti. Chi non ama le regole di civiltà e di rispetto reciproco se ne deve andare. Questa è vera Carità.

Fabrizio Verduchi

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Pompei: il gay-pride al centro la famiglia relegata in periferia

COMUNICATO-STAMPA

Il Movimento politico Italia Cristiana, nella persona del Coordinatore di Avellino, Sabino Della Sala, ha presentato presso la Questura di Napoli regolare preavviso di manifestazione da effettuarsi a Pompei in piazza Bartolo Longo davanti al Santuario della Beata Vergine del Rosario per il giorno 30 Giugno 2018 con l’esposizione dello striscione “La Famiglia è fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna: difendiamola!”. Continua la lettura di Pompei: il gay-pride al centro la famiglia relegata in periferia

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Il Governo prenda le distanze dal gay-pride

No-gay-pride-a-Pompei
Il 30 Giugno al Gay-Pride che si svolgerà a Pompei, sfileranno anche le senatrici M5s Virginia La Mura e Paola Nugnes, nonché la deputata grillina Gilda Sportiello. Girano voci che sarà presente il deputato del M5S Vincenzo Spadafora, sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri con delega alle Pari Opportunità e ai Giovani.
Chi è Vincenzo Spadafora? Continua la lettura di Il Governo prenda le distanze dal gay-pride

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Libertà di scelta, ma senza presa di coscienza

provita1

Ciò che è accaduto a Roma in questi giorni per un cartello pubblicitario di ProVita Onlus a favore della vita nascente ha dell’incredibile e non poteva mancare l’intervento dell’on. Monica Cirinnà, che ancora una volta – come se ce ne fosse stato il bisogno – ha lasciato trasparire tutta l’ipocrisia di quel mondo di morte e di dissoluzione  Continua la lettura di Libertà di scelta, ma senza presa di coscienza

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Liberalizzazione degli orari del commercio: progresso o regresso?

Orari_negozi
La questione delle aperture domenicali da molti anni è al centro di furiosi dibattiti.

Dalla famigerata legge così detta “Salva Italia”del governo Monti, la grande distribuzione può contare su aperture di 24 ore giornaliere, per 365 giorni l’anno e non sono serviti ricorsi, leggi regionali in deroga e petizioni per cambiare la situazione. È dello scorso Maggio il pronunciamento della Consulta che ha indicato incostituzionali gli obblighi di chiusura festiva previsti della regione Friuli Venezia Giulia, accogliendo il ricorso della grande distribuzione contro la legge regionale. Continua la lettura di Liberalizzazione degli orari del commercio: progresso o regresso?

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail