Tutti gli articoli di Italia Cristiana

COMUNICATO-STAMPA 01/2018 Elezioni raccolta firme

Anche Italia Cristiana, come la Lista di Emma Bonino, chiede l’intervento generoso di un parlamentare per la candidatura alle prossime elezioni politiche senza dover raccogliere le firme.

Emma Bonino pochi giorni fa riteneva ridicolo dover raccogliere le firme per candidarsi alle elezioni politiche. Firme che devono essere raccolte, secondo la legge, da tutti i cittadini italiani che intendano candidarsi democraticamente alle elezioni politiche. Il partito della Bonino alle ultime elezioni politiche del 2013, ha preso lo 0,19%. È chiaro che per lei sarebbe stato impossibile raccogliere un numero sufficiente di firme per potersi candidare. Subito è venuto, allora, in suo aiuto Tabacci che, a suo dire, ha messo a disposizione il simbolo del Centro Democratico per garantire una libertà fondamentale, per una scelta di servizio alla democrazia. Secondo lo stesso principio di libertà e servizio alla democrazia anche ITALIA CRISTIANA chiede la generosità di un parlamentare che intenda mettere a disposizione il proprio simbolo per dare anche a noi la possibilità di candidarci, in modo indipendente ed autonomo da tutti gli schieramenti.  Per sostenere una politica concreta che difenda quei valori che hanno oggi un ampio consenso tra i cittadini italiani, ossia in difesa di un lavoro stabile giustamente retribuito, attraverso un’economia che sia al servizio della persona e del bene comune, a sostegno della famiglia e della vita, dei disabili e che preveda un taglio delle tasse che venga in aiuto in modo particolare a tutti quegli italiani che oggi vivono sotto la soglia della povertà.

ITALIA CRISTIANA ritiene che in ballo ci sia la democrazia e che essa debba valere per tutti.

Il Presidente
Fabrizio Verduchi

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Un aiuto alle famiglie colpite dal terremoto

Mons D'Ercole terremoto

Cari amici, chiediamo a tutte le persone di buona volontà di unirsi a noi per un aiuto concreto e urgente alle popolazioni colpite dal dramma del terremoto.

Rispondiamo in modo concreto per far sentire loro il nostro sostegno e la nostra solidarietà.  È un dramma che riguarda noi tutti.

Vogliamo dire con molta chiarezza, a chi parteciperà, che gli aiuti economici raccolti saranno portati alle famiglie più in difficoltà.

Queste famiglie ci verranno indicate da S.E. Mons. D’Ercole, Vescovo di Ascoli.

Il 29 marzo è il termine ultimo per effettuare i versamenti.

Ci affidiamo alla vostra sincera generosità.

 Potete effettuare la vostra offerta in due modi:

– recandovi alle poste:

C/C Postale n°60313152 intestato a: ITALIA CRISTIANA Casella Postale 12174 – 00135 Roma Belsito

causale: TERREMOTO 2017

– oppure facendo un bonifico:

BancoPosta C/C n°60313152

Codice IBAN IT72 D076 0103 2000 0006 0313 152 –
intestato a: ITALIA CRISTIANA causale: TERREMOTO 2017

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Referendum e incarichi politici – Noi votiamo NO

Se vince il sì al Referendum alcuni politici avranno tre incarichi senza essere eletti da noi cittadini. Ad es. i sindaci delle 10 città metropolitane saranno SINDACO, SINDACO della Città Metropolitana e SENATORE. Immaginate la gestione di Roma con il Sindaco spesso assente per andare in Senato o al Consiglio Metropolitano, una città nel caos!

Referendum-Costituzionale-incarichi-politici

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Programma e candidati per Roma 2016 con Fabrizio VERDUCHI Sindaco

Fabrizio Verduchi
Fabrizio Verduchi

Per visualizzare il programma completo e la lista dei Candidati consiglieri al Consiglio Comunale di Roma per Fabrizio VERDUCHI Sindaco puoi cliccare sui seguenti link.

PROGRAMMA ITALIA CRISTIANA ELEZIONI COMUNALI ROMA 2016

CANDIDATI AL CONSIGLIO COMUNALE DI ROMA 2016

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Candidato Sindaco di Roma Verduchi in merito al ddl Cirinnà

Fabrizio Verduchi
Fabrizio Verduchi
COMUNICATO-STAMPA
 
DDL CIRINNÀ
 
In relazione al ddl Cirinnà il nostro candidato Sindaco di Roma Fabrizio Verduchi dichiara: ”Se dovesse venire approvato il ddl Cirinnà, mi appellerò all’obiezione di coscienza e non celebrerò mai matrimoni tra persone dello stesso sesso, la mia coscienza mi impone di agire sempre nel Bene di tutti, comprese le persone con tendenze omosessuali e questo significa che l’unica forma di matrimonio e famiglia che riconosco è quella composta tra un uomo e una donna e inviterò tutti i membri della mia giunta a fare lo stesso.”
 
Domenico Defronzo
Resp. Ufficio-Stampa Italia Cristiana
facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail