Archivi tag: gender

In Romania approvata legge che condanna l’ideologia gender

Romania-Camera-dei-Deputati

Nel silenzio dei media italiani, che in questi giorni sono impegnati con un bombardamento continuo per farci il lavaggio del cervello su quanto sia necessaria e giusta la proposta di legge Zan sull’omotransfobia, a giugno in Romania è stata approvata una legge da entrambe le camere del Parlamento che vieta l’insegnamento dell’ideologia gender nelle scuole. Continua la lettura di In Romania approvata legge che condanna l’ideologia gender

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

L’AIFA autorizza inserimento di farmaco blocca pubertà nell’elenco dei medicinali erogabili a totale carico del S.S.N.

AIFA-blocco-puberta

Il 2 Marzo 2019 sulla Gazzetta Ufficiale è stata pubblicata la Determina 21756/2019 dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), Ente pubblico sotto la direzione e la vigilanza del Ministero della Salute. Chiediamo quindi al Ministro della Salute Giulia Grillo di intervenire tempestivamente per bloccare l’utilizzo della Triptorelina, inserita con la suddetta Determina nell’elenco dei medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ed utilizzato in modo improprio per bloccare la pubertà nei casi di disforia di genere.

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Omosessualità: scienza o pensiero unico?

Valeria Fedeli Progresstest

“È francamente incredibile e a dir poco inaccettabile che l’omosessualità sia stata inserita nella categoria delle malattie. Mi auguro che la Conferenza dei corsi di laurea in medicina provveda a eliminare dall’elenco delle domande del Progress test quel vergognoso quesito, che le risposte a esso date non siano tenute in considerazione ai fini della valutazione del progresso nell’apprendimento di studentesse e studenti, e che il responsabile di quanto accaduto sia adeguatamente sanzionato”. Continua la lettura di Omosessualità: scienza o pensiero unico?

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Cartoni animati gender in RAI: “Pipì, Pupù e Rosmarina”

Pipì_Pupù_e_Rosmarina_Gender

Il testo che riporto di seguito è la sigla orecchiabile e piacevole di una serie di cartoni animati trasmessa su Rai YoYo.: “Pipì, Pupù e Rosmarina”

Noi scendiamo in su noi noi saliamo in giù in cerca del mapà chissà dove sarà, lo sai che il papà… la mamma ed il papà.

Ce ne andiamo per il mondo tutti e tre sopra i monti e sotto il mar, nei deserti e nelle terre del Pashà in cerca del mapà. Chissà dove sarà, chissà se qua o là la mamma che è il papà. Nuoterem in ciel, voleremo in mar in cerca del mapaa paa. (Rit.)
Continua la lettura di Cartoni animati gender in RAI: “Pipì, Pupù e Rosmarina”

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Utero in affitto: prove tecniche per aggirare il divieto?

Utero_in_affitto

È di pochi giorni fa la notizia il cui protagonista è Corrado, ermafrodito di Biella di 55 anni, padre di tre figli, che dichiara di essere “incinto” per autofecondazione; da piccolo i medici lo hanno “reso uomo”, ma oggi dichiara di “sentirsi donna” e vorrebbe cambiare sesso.

Stupisce che questo evento già di per sé improbabile se non surreale, sia stato possibile all’età di 55 anni, quando risulta già difficile per una donna essere fertile alla stessa età in modo naturale. Continua la lettura di Utero in affitto: prove tecniche per aggirare il divieto?

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Latina arcobaleno non rappresenta le reali necessità dei cittadini

Famiglia sottoattacco gender

COMUNICATO-STAMPA

I meccanismi dei nostri sistemi elettorali permettono che minoranze esigue governino su delle maggioranze ignorate.

L’attuale sindaco di Latina, Damiano Coletta, lo scorso anno al primo turno elettorale, in cui ogni elettore vota il candidato sindaco preferito, ha ricevuto un consenso bassissimo, solamente il 14,25% degli aventi diritto al voto, quindi oltre l’85% dei cittadini di Latina non si sentiva rappresentato da lui e dal suo programma. Continua la lettura di Latina arcobaleno non rappresenta le reali necessità dei cittadini

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Grillo: al Parlamento Europeo con chi difende Euro, UE, ideologia Gender e immigrazione incontrollata

GrilloIl comico Grillo, leader dei 5 Stelle, ha invitato i suoi iscritti a votare per uscire dal gruppo europarlamentare degli euroscettici dell’EFDD (Europa della Libertà e della Democrazia Diretta) e aderire al gruppo europarlamentare dell’ALDE (Partito dell’Alleanza dei Liberali e dei Democratici per l’Europa), ossia lo stesso gruppo dei Radicali, dei Liberali e del Centro Democratico, sostenitore dell’Unione Europea e dell’Euro, dell’ideologia Gender e dell’immigrazione incontrollata. Gli iscritti hanno votato a favore della proposta di Grillo con il 78,5%: questo è il vero volto del movimento di Grillo, oltre la protesta l’asservimento ideologico.

facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail